Un mare di parole

naufraghi

Inietto parole mie dentro altre parole mie, quasi a voler creare antidoti contro parole altrui.

Manciate di lettere che irrompono, rompono, interrompono altre manciate di lettere.

Tante e diverse, tutte dentro, addosso.

A volte pesanti da portare, come àncore sul fondale; altre leggere, come vele che rubano il vento e fanno andare avanti.

Sono fatta di parole proprio come sono fatta di carne, capillari, ossa.

Quando le sgrano tra le dita come un rosario, le sento respirare, muovere, pulsare.

Quando cedo ai tafferugli del quotidiano so di straziarle, torturarle, vomitarle senza ritegno.

E poi le cerco, quando si fanno mute. Perché sono lì e si fanno ascoltare.

Sarebbe bello assomigliare alle parole che si dicono.

Invece la cornice è spesso più importante del quadro che contiene.

E la ridondanza, lo stucco con cui si tappano buchi che andrebbero destinati al silenzio.

Un mare di parole.

In cui si annaspa tra discorsi senza baricentro, frasi d’amore e di guerriglia, dialoghi ruvidi e acuminati.

E allora, talvolta, ci si aggrappa a parole zattera per non andare a fondo.

Per favore. Grazie. Mi manchi. Mi dispiace. Scusa.

Ce ne vogliono così poche per dire quelle quattro cose che contano veramente nella vita.

Io, naufraga a riva, prendo il sole ad occhi chiusi e aspetto che passi la mareggiata.

E mi pare quasi di sentirle le onde, gli schizzi addosso, l’umido appiccicoso della salsedine.

Con certe parole succede lo stesso.

Alcune chiedono solo un pretesto per intrufolarsi tra le pieghe della giornata.

“Come stai?” “Bene.”

Sillabe allacciate insieme e sparate in un secondo, senza punteggiatura, senza significato, senza voglia di ascoltare la risposta.

Un botta e risposta da spendere una, dieci o cento volte al giorno, tanto non costa nulla.

Peccato.

Perché  la domanda è la più bella da porre. E la risposta, se sincera, è liberatoria.

E può diventare preludio ad una conversazione tra persone che si incontrano e restituiscono alle parole tutto il valore che hanno.

Perchè se di tante parole se ne fanno poche, queste si prendono il peso delle altre e se lo caricano addosso.

“Bene.”

Una sola parola svuota il mare, una parola sola riempie il mondo.

Io, naufraga, prendo il sole ad occhi chiusi e ascolto il rumore delle onde che si rincorrono e scompaiano e che ad ogni increspatura lavano il superfluo, lasciando alle parole il giusto peso.

E aspetto che passi la mareggiata.

Poi tra legni bianchi di sale, ossi di seppia e conchiglie colorate, andrò a cercare le parole, quelle liquide e leggere, che il mare lascerà sulla riva.

Annunci

24 pensieri su “Un mare di parole

  1. Rimango stupefatta, ci sono così tanti concetti che mi appartengono, frasi che ho scritto anche io usando quasi le stesse parole.
    Parole universali, che sembra ci leghino con un filo invisibile.
    Il legno sbiancato dal sale mi ha steso …… Non avevo letto il tuo post ma è come se ci stessimo leggendo i pensieri ❤

    • Se riesci ad intercedere con me per FI, giuro che tutte quelle parole te le metterò per iscritto e ti dedicherò un’ode, un’elegia, un panegirico, un peana e anche una statua (che poi chiederemo a Virginia di collocare sul GRA) 🙂
      Buona giornata, Romolo :)*

    • Vabbè, ma tu mica fai testo…
      Ogni volta che ti chiamo e ti chiedo come stai, mi rispondi: “Così”.
      Vuoi mettere? “Così” è bellissimo, catartico, onnicomprensivo.
      Può voler dire tutto e non voler dire nulla, sta a chi lo ascolta cogliere la differenza.
      Il giorno in cui mi risponderai “Bene”, ci ubriacheremo! 😊😘

  2. la parola volteggiava,
    era farfalla,
    spargeva infinitesimi pulviscoli,
    non si lasciava afferrare.
    Era lieta nello scorrere tra labbra e un preannuncio di pensiero,
    poi un altro,
    e ancora il successivo.
    Le parole libere nell’aria,
    erano tensione d’atomi,
    scorrere di molecole
    e profumi.
    Pronunciate e attese,
    erano un’arcano maggiore
    voltato e sussurrante,
    mentre racconta l’indeterminato,
    ma così precise, attente, che
    filtrando tra gli occhi chiusi al sole
    dipingevano mare e cielo assieme.
    Forse lo stesso colore eppure
    diverso, come l’anima che ascolta
    e ondeggia e muta
    per una parola
    o per un muoversi di ciglia.

    • Io e la mia mente pindarica ci siamo ritrovate pienamente nei tuoi versi. Ci siamo davvero noi, lì in mezzo, tra quelle parole così sapientemente inanellate.
      Grazie, mi fai sempre questi magnifici regali che mi lusingano, ma mi fanno anche tanto gongolare. 😊
      Grazie di cuore 😘

  3. Io per non annaspare ho imparato ad aggrapparmi ai come, ai quando, ai chi, ai dove.
    Perché non ci voglio più affogare in quel mare di parole fatto di se, forse, chissà.

  4. È bello imbattersi, in questo mare di parole, in una come te che con le parole ci gioca come fossero granelli di sabbia e ci costruisce bellissimi castelli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...