Altrove

Quanti passi sono tra me e altrove?

Ché altrove non é mai dove si é.

E chissà come ci si arriva, altrove.

A volte lo immagino dietro le palpebre di un bambino o nelle ombre di un dipinto o sotto una crosta di cielo.

Altrove é di certo da un’altra parte perché qui, ora, c’é solo un grande circo.

O forse é la vita che é così. Ha la faccia da clown e il fascino dell’equilibrista.

Sotto il suo tendone si alternano magie e incantesimi.

Grandi illusioni e piccole tristezze.

Odore di letame, polvere, lustrini.

E le solite umane meschinerie.

Ci sono i pagliacci con il naso rosso, la cravatta gigante a pois e gli occhi a forma di malinconia.

Con la tragedia conficcata lì, tra una risata e l’altra.

E ci sono i giocolieri senza nome, nè età.

Un palco, tre palle e un po’ di pubblico e sono diventati giullari, di se stessi.

In un angolo, il lanciatore di coltelli non tira per colpire. Lui punta solo al bordo.

Perché sa che la salvezza, a volte, non é raggiungere il bersaglio, è mancarlo.

C’è poi il funambolo che gioca con l’asta, la gravità e il vuoto.

Finge di aver trovato l’equilibrio perfetto, finchè qualcuno non gli crede e decide di appoggiarsi.

E si sa: al circo, come nella vita, il pezzo forte restano le cadute rocambolesche. E i salti mortali.

Un prestigiatore, da qualche parte, vende sogni a buon mercato e regala minuscoli stupori.

Prova quel numero ogni giorno, ma non sempre dal cilindro nero tira fuori il coniglio bianco.

A volte una carota, altre un fiore di pezza.

Ci sono anche gli incantatori di serpenti, i domatori di leoni e i leoni che sbranano i domatori, nel circo della vita.

E le scimmiette e i saltimbanchi ed io.

Che continuo a farmi domande senza pretendere risposte.

Mi basta uscire, ogni tanto, dal tendone del circo e andare altrove.

Dove fanno lo zucchero filato.

 

Annunci

28 pensieri su “Altrove

  1. Tanto delicate quanto crude queste parole. Per me il passo è solo uno, anche quando ne fai cento, vai in una direzione che scegli tu e, se non sei tu, è la vita a farlo per te, dentro o fuori dal tendone.

  2. L’ho letto e riletto ed è di una perfezione assoluta.
    C’è tutto in pochi tratti, la parte di ognuno è necessaria, si va in scena ogni sera, tra risate e fischi, chiamate e applausi. Si recita a soggetto, d’altronde è inevitabile.

    • Le tue parole mi lusingano sempre, ma stavolta, Mela mia, i complimenti sono immeritati.
      Il post non è perfetto, è solo amaro.
      E l’amarezza, si sa, alberga nella consapevolezza che è proprio come dici tu: ogni giorno si alza il sipario e si va in scena. Ognuno con la propria maschera, necessaria ed inevitabile.
      Una sera pagliacci, la sera dopo pubblico.
      Ma il banchetto dello zucchero filato é poco più in là. Vieni con me? 😘

      • Certo che vengo! Un po’ di dolcezza è sempre gradita.
        Però il post è bello proprio per la sua amarezza consapevole. Amo la tristezza quando è così ben dosata ❤

    • La donna cannone sono io, Romolo! 😊
      (Quando una cicciottella con l’arco incontra un titolista imbecille, il titolista imbecille è un titolista morto.
      Detto ciò, in estate si sa c’è carenza di notizie e si riempiono i giornali di cazzate. E ci si va avanti per giorni e giorni. Così è.)

  3. Penso che chiunque legga riesca a vedere un conoscente in ogni personaggio, da te meravigliosamente descritto.
    Forse siamo tutti sotto quel tendone? A volte spettatori, altre protagonisti. Possiamo uscire e viaggiare, di fantasia, ad esempio con i tuoi bellissimi post. Ecco: forse altrove è proprio “un altro post”. Lo aspetto 😉

  4. Vorrei essere il Bianconiglio e condurti in un paese incantato popolato di Uomini e Donne che possano definirsi tali ! Comunque , cercando cercando qualcosa si può trovare anche qui ❤️

  5. Delicato e onirico questo post sul circo che, hai ragione tu, è proprio la metafora della vita. Come sempre hai dato voce ai miei pensieri e alle mie parole, perché io certe cose non le so proprio dire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...