Di facili costumi

1401050232045-1

Ci vorrebbe uno come Hemingway.

Uno di quegli scrittori vecchio stile che prendevano appunti a matita su un taccuino in pelle nera.

Uno di quelli che carpivano conversazioni e confidenze con l’aria di chi non ascolta e non é là per ascoltare.

Ecco, ci vorrebbe uno così per raccontare la variegata umanità da spiaggia. Per riferire l’essenziale banalità di certi discorsi fatti sotto l’ombrellone. Per descrivere l’untuosità di certi corpi marmorei o il pallore impiegatizio di certe cosce cellulitiche.

Per spiegare che è un’impostazione di default del cervello femminile quella di correre ai ripari sempre all’ultimo minuto. Di affrontare la prova costume come fosse una prova di coraggio. Di digiunare come Pannella per eliminare cuscinetti e maniglie dell’amore. E tentare di assomigliare, anche lontanamente, alle modelle di Calzedonia. A quelle donne geneticamente modificate. A quelle donne di facili costumi (da bagno).

Storia vecchia, scontata, ripetitiva e quasi banale quella della prova costume.

Ed è inutile fare finta di niente e nascondere la testa sotto la sabbia.

Io la prova costume non l’ho superata. Nemmeno quest’anno.

Ho saltato i primi dieci capitoli e, comunque, non l’avrei superata neanche fosse stato un quiz a crocette con le soluzioni in fondo alla pagina. E siccome è l’unica prova in cui non è ammesso copiare io, alla fine, l’ho presentata in bianco.

Il costume, quello no, l’ho scelto nero. Si sa, il noir sfina.

Poi, lontano dai pasti e trattenendo il fiato, sono andata al mare.

Il bianco gallina morta delle gambe mi ha fatto imbarazzare. La forma a pera ma anche un po’ a clessidra del resto mi ha fatto sobbalzare.

Ho assunto, quindi, la posizione dell’otaria spiaggiata e, per consolarmi, ho mangiato un gelato.

Ed ho osservato la mia vicina di ombrellone. Quella che, per spararsi certe pose ginecologiche, pare stia digiunando da ormai due settimane.

Moriremo entrambe, ma io sarò più felice.

 

 

 

 

Annunci

17 pensieri su “Di facili costumi

  1. Dei tatuaggi il povero Hemingway che scriverebbe secondo te? La prova cervello-cuore è l’unica attendibile. In ogni stagione dell’anno. (la posa ginecologica è davvero orribile. Meglio la balena spiaggiata. Sa di morbido.)

    • Hemingway dice che se i tatuaggi sono belli, discreti e nascosti come i miei allora si possono fare. Rose e spine sulla spalla, pin up sul polpaccio, tribali tamarri et similia sono invece severamente vietati dalla Guardia Costiera. 😉

  2. Ma non ci pensare proprio alla prova, un costume vale l’altro. Cosa vuoi che sia una maniglia più o meno evidente, e poi il bianco prima o poi diventerà bronzeo. Comunque , meglio la posizione dell’otaria che quella ginecologica. Quando capita di vederle mi impressionano

  3. tutta colpa di quella stronza invidiosa di commessa che ti ha rifilato un costume due taglie in meno del dovuto 😀
    il nero sfilerà anche ma sul bianco latte… fa tanto Juventus :mrgreen:
    non per consolarti… ho una certa età, nella mia vita non ho MAI conosciuto un uomo che mi abbia confessato di aver lasciato la donna per un po’ di cellulite, per qualche bombolone in più o per i fianchetti versione anfora etrusca.
    la prova costume, i digiuni, le sfiancanti sedute in palestra… è tutta roba che riguarda l’universo femminile, le donne si “modificano” e cercano una linea “calzedonia” solo per far schiattare di invidia le altre donne, mica per piacere di più agli uomini.
    TADS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...